• COSA FARE IN CASO DI LUTTO


    L’agenzia funebre a Roma di Lorenzetti Massimo, è in grado di chiarire alcuni dubbi e perplessità riguardanti alcuni argomenti di fondamentale importanza nell’ambito delle onoranze funebri.


  • La denuncia di morte:

    deve essere fatta da un familiare o da una persona incaricata, entro 24 ore, all'Ufficio di Stato Civile. Le pubbliche assistenze e le agenzie di pompe funebri, su richiesta del cittadino, possono occuparsi di tutte le pratiche dalla denuncia di morte al funerale. Nel caso in cui i parenti della persona deceduta non intendano affidarsi a una impresa funebre devono seguire le seguenti procedure in base al luogo in cui è avvenuto il decesso:


    - nel caso di decesso a casa bisogna comunicare immediatamente l’evento al medico di base, che rilascerà regolare certificato con generalità della salma data e ora del decesso e relative cause dello stesso


    - nel caso di decesso in ospedale o istituto privato, la salma, dopo accertamento del personale medico dovrà essere trasportata nei locali di osservazione dello stesso istituto adibiti a camera mortuaria, per trascorrere il periodo di osservazione previsto dalla legge


    Se la morte è avvenuta in casa, i parenti, immediatamente dopo il decesso, devono:


    - avvisare il medico curante che dovrà compilare il certificato ISTAT


    - avvisare l'Ufficio Igiene e Sanità Pubblica e l’Azienda USL o i Distretti Sociosanitari, che provvederanno ad inviare il medico necroscopo o altro medico incaricato dall'ASL.


    - denunciare la morte presso l'Ufficio di Stato Civile del Comune dove è avvenuto il decesso


    Se la morte è avvenuta in ospedale o in una casa di cura, dopo il necessario periodo di osservazione della salma, i parenti devono:


    - ritirare presso l'Ufficio di Anatomia Patologica il certificato necroscopico e la denuncia di morte completa di scheda ISTAT


    - consegnare la documentazione all'Ufficio di Stato Civile del Comune dove è avvenuto il decesso per la redazione dell'atto di morte.


    La pensione: in caso di decesso di un familiare titolare di pensione INPS occorre


    - comunicare l'evento alla Sede INPS tramite autocertificazione e restituire il libretto di pensione


    - presentare domanda di pensione di reversibilità nel caso in cui il superstite è un familiare avente diritto e se la pensione della persona deceduta è reversibile


    Pratiche di successione: la denuncia di successione deve essere presentata entro un anno dal decesso presso l’Agenzia delle Entrate competente per territorio (la competenza è legata all'ultima residenza del defunto). Le tasse da pagare in autoliquidazione (ipotecaria e catastale) corrispondono al 3% dell'imponibile dichiarato. Nel caso in cui l'erede chieda il passaggio di proprietà a titolo di "prima casa" tali imposte sono dovute in misura fissa.


    L’agenzia funebre a Roma di Lorenzetti Massimo, per qualunque perplessità, è a disposizione per rispondere a qualunque domanda grazie alla consolidata esperienza e alla grande competenza di tutto lo staff.


Contattaci per chiarire ogni tuo dubbio

Con l’inserimento dei miei dati dichiaro di aver preso visione ed accettato il Trattamento dei Dati